Cosa Sono i Sistemi Wi-Fi Mesh e Come Funzionano?

0
32

Se la rete Wi-Fi di casa tua ha punti ciechi o non raggiunge tutta l’abitazione, potresti prendere in considerazione l’idea di acquistare un sistema Wi-Fi mesh. La loro popolarità è aumentata vertiginosamente negli ultimi tempi, ma cos’è esattamente il Wi-Fi mesh e in cosa differisce da un tradizionale extender Wi-Fi?

Cosa Sono i Sistemi Wi-Fi Mesh e Come Funzionano?

Cos’è il Wi-Fi Mesh?

Gli extender Wi-Fi sono stati a lungo un’opzione molto utilizzata quando si trattava di risolvere problemi alla propria rete per coprire i punti ciechi del Wi-Fi, ma con l’introduzione dei sistemi Wi-Fi mesh, negli ultimi due anni molte persone si sono affidati a questi nuovi sistemi, principalmente grazie alla loro facilità di configurazione e utilizzo.

I sistemi Wi-Fi mesh sono costituiti da due o più dispositivi simili a un router che lavorano insieme per coprire la tua abitazione con il Wi-Fi. Pensalo come un sistema di più extender Wi-Fi, ma molto più facile da configurare e non richiede di essere degli esperti. Tutto ciò che serve è collegare le unità e seguire alcuni semplici passaggi nell’app che viene fornita insieme a questi dispositivi. Una volta impostato tutto, anche la gestione della rete è molto semplice, poiché la maggior parte delle funzionalità avanzate vengono effettuate in automatico, mentre le funzionalità di base sono facilmente accessibili e semplici da configurare e usare.

In che modo il Wi-Fi mesh è diverso da un extender?

Un aspetto che molti non sanno dei sistemi Wi-Fi mesh è che hanno lo scopo di sostituire il tuo attuale router, piuttosto che lavorarci insieme. Quindi, mentre gli extender Wi-Fi aumentano semplicemente il segnale Wi-Fi del router principale, i sistemi Wi-Fi mesh creano effettivamente una rete Wi-Fi completamente nuova, separata dal Wi-Fi del tuo router attuale.

Inoltre, se hai bisogno di gestire la tua rete Wi-Fi mesh, puoi farlo tramite una semplice app per smartphone, anziché tramite la complicata pagina di amministrazione del tuo router, il che rende molto più facile cambiare le impostazioni.

La rete mesh consente a queste unità multiple di comunicare tra loro in qualsiasi sequenza desiderino. Gli extender Wi-Fi tradizionali possono comunicare solo con il router principale e, se imposti più extender Wi-Fi, di solito non possono comunicare tra loro. Le unità Wi-Fi mesh possono comunicare con qualsiasi unità desiderano per fornire la migliore copertura possibile a tutti i tuoi dispositivi, il che è un enorme vantaggio.

Ad esempio, se imposti la prima e la seconda unità mesh in casa, non devi preoccuparti di posizionare una terza unità vicino alla prima, poiché la prima può ricevere un segnale dalla seconda unità, consentendoti di creare una portata molto più ampia di quanto potresti fare con gli extender Wi-Fi. Pensala come una staffetta in cui i corridori passano il testimone al corridore successivo per avanzare lungo la pista: i sistemi Wi-Fi mesh funzionano allo stesso modo.

Inoltre, se dovessi aprire un’app di analisi Wi-Fi, noterai che la tua rete Wi-Fi mesh sta effettivamente trasmettendo con reti Wi-Fi separate, una per ciascuna unità che hai configurato. Questo è il modo in cui funzionano anche gli extender Wi-Fi tradizionali, ma con quest’ultimi dovresti spesso passare da una rete all’altra manualmente (tra ReteCasa e ReteCasa_EXT, ad esempio). Invece, una rete Wi-Fi mesh funziona come una rete singola, quindi i tuoi dispositivi passeranno automaticamente da un’unità mesh all’altra.

Detto questo, anche alcuni extender Wi-Fi possono farlo (come il D-Link DAP-1520), ma hanno ancora un evidente svantaggio: poiché usano il Wi-Fi per comunicare con il router e i dispositivi, aggiunge più stress all’extender Wi-Fi, con conseguente riduzione della velocità.

Invece, i dispositivi di rete mesh hanno un raggio più ampio, quindi un’unità mesh può gestire la comunicazione con le altre e può essere utilizzata per comunicare con i tuoi dispositivi, distribuendo efficacemente i carichi di dati per evitare un collo di bottiglia. Quindi non solo puoi ottenere un segnale Wi-Fi migliore, ma anche velocità più elevate in tutta la casa senza degrado.

Gli svantaggi dei sistemi Wi-Fi mesh

Il Wi-Fi mesh sembra la soluzione perfetta per chiunque, ma ci sono un paio di aspetti negativi che dovremmo conoscere.

Prima di tutto, i sistemi Wi-Fi mesh possono essere molto più costosi di quanto costerebbe utilizzare degli extender Wi-Fi tradizionali. Un set di tre unità in genere costa 500€ e puoi acquistare unità singole aggiuntive per qualche centinaio di euro.

Puoi spendere così tanto anche per un router tradizionale e per degli extender Wi-Fi, ma, se sei in grado di gestire le impostazioni avanzate del router per configurare gli extender Wi-Fi, puoi farlo facilmente per meno di 300€. Se però non sei così esperto con i dispositivi di rete, il costo aggiuntivo di un sistema Wi-Fi mesh vale la pena, e ti salverà da mal di testa e frustrazioni.

In secondo luogo, la maggior parte dei sistemi mesh non dispone di tutte le funzionalità avanzate offerte dalla maggior parte dei router tradizionali. Certo, alcuni sistemi mesh sono dotati di una serie di funzioni interessanti, come la modalità ospite, il controllo degli accessi e il parental control.

Esiste una soluzione alternativa a questo, però: puoi mantenere il tuo attuale router e collegare il tuo sistema Wi-Fi mesh a una porta ethernet aperta sul router e mettere i dispositivi mesh in modalità bridge in modo che agiscano semplicemente come un sistema leggermente migliore di extender Wi-Fi.

Concludendo, il Wi-Fi mesh non è per tutti. Gli utenti esperti a cui piace gestire la propria rete in autonomia e godere del controllo completo probabilmente non saranno inclini ad acquistare questo sistema, ma coloro che non sono super esperti di tecnologia e vivono in una casa con molti punti ciechi potrebbero trarre facilmente vantaggio dalla facile configurazione del Wi-Fi mesh e dalla copertura completa che questi dispositivi garantiscono.

Per maggiori informazioni ti consiglio di vederti questo video di Ferry su Youtube, dove spiega benissimo quello che abbiamo appena descritto in questo articolo.